Terapia ormonale sostitutiva e Tumore al seno

Il rapporto tra terapie ormonali sostitutive in  menopausa e rischio di sviluppare alcune forme tumorali è ormai da decenni un argomento piuttosto dibattuto. Cerchiamo di fare un po' di chiarezza sull'argomento.

Fino al 2000 i ginecologi hanno prescrritto in abbondanza terapie ormonali sostitutive (TOS), richieste dalle stesse donne per tamponare i sintomi della menopausa quali  insonnia, vampate,irritazione,depressione,secchezza vaginale,osteoporosi ,dolori ossei,affaticamento cardiaco,alterazione della pressione arteriosa, aumento di peso.

L’aumento di rischio del tumore mammario associato all’uso prolungato di terapia ormonale sostitutiva (TOS)  è stato collegato ad una aumentata espressione dei recettori estrogenici nel tessuto mammario.

Bisogna comunque considerare per molte donne dopo aver iniziato la terapia ormonale sostitutiva la qualità di vita è notevolmente migliorata.

Già Umberto Veronesi proprio per azzerare il rischio oncologico consigliava di associare minime quantità di tamoxifene.

Molti studi infatti hanno dimostrato negli ultimi anni una tendenza di diminuzione di rischio di sviluppare tumori al seno durante la terapia ormonale sostitutiva.

Un consiglio comunque da dare alle pazienti in trattamento con terapia ormonale sostitutiva è quello di sottoporsi sempre a normali controlli ecografici e mammografici in modo da avere sempre sotto controllo le mammelle ed eventualmente scoprire sempre in fase molto precoce un  insorgenza di un tumore al seno.
 
A cura del Prof. Massimo Vergine
 
per approfondimenti   www.senologia.eu

Tumore al seno due farmaci e più speranze

Due farmaci insieme da dare alle pazienti con un tumore mammario metastatico specifico (chiamato triplo negativo) per cercare di fermare la proliferazione delle cellule cattive. È lo studio fRida, presentato in occasione della 38.ma edizione del San Antonio Breast Cancer Symposium, in corso negli Stati Uniti: coinvolge 65 centri di 7 paesi tra Europa e Usa tra cui il San Matteo di Pavia. Lo studio clinico si propone di confrontare la combinazione di paclitaxel e reparixin frutto della ricerca Dompé, azienda biofarmaceutica
italiana - rispetto al solo impiego del chemioterapico. «Sappiamo che le cellule staminali del cancro hanno la capacità di rinnovarsi nel tempo, dando luogo a recidive e facilitando l’insorgenza di metastasi», spiega Paolo Pedrazzoli, direttore di Oncologia al S. Matteo di Pavia

Per approfondimenti sul tumore al seno www.senologia.eu
a cura del prof. Massimo Vergine

Utilità dei test genomici nel tumore della mammella

Ulteriori conferme per il test Oncotype Dx arrivano dal San Antonio Breast Cancer Symposium. Così è possibile predire l’utilità della ch...