Utilità dei test genomici nel tumore della mammella


Ulteriori conferme per il test Oncotype Dx arrivano dal San Antonio Breast Cancer Symposium. Così è possibile predire l’utilità della chemioterapia per pazienti con tumore al seno sensibile agli estrogeni
Salvavita, eppure tossica. Gli effetti indesiderati della chemioterapia sono ben noti: caduta dei capelli, fatigue, alterazione della funzionalità di fegato e reni, nausea, vomito e disturbi neurologici – solo per dirne alcuni. Per una donna in lotta contro il tumore al seno, sono per forza ripercussioni necessarie? Con l’avvento dei test genomici (o multigenici), da anni, si cerca di dare una risposta personalizzata a questa domanda. Si tratta di esami che analizzano gruppi di geni del tumore, per stimare la risposta alla chemioterapia e la possibilità che si sviluppi una recidiva negli anni. L’obiettivo è capire in quali casi la sola terapia ormonale sia sufficiente a rallentare la progressione del cancro. E dal San Antonio Breast Cancer Symposium, che si è da poco concluso in Texas, arrivano nuovi dati a conferma della validità di questi test.

Nessun commento:

Utilità dei test genomici nel tumore della mammella

Ulteriori conferme per il test Oncotype Dx arrivano dal San Antonio Breast Cancer Symposium. Così è possibile predire l’utilità della ch...