Visualizzazione post con etichetta capezzoli invertiti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta capezzoli invertiti. Mostra tutti i post

Capezzoli introflessi : cause e modalità di correzzione chirurgica

CAPEZZOLI INTROFLESSI

Cosa si intende per capezzoli introflessi



I capezzoli introflessi  sono  un anomalia abbastanza frequente da cause verosimilmente di origine genetica: infatti è facile riscontrarlo in generazioni successive della stessa famiglia.

Può essere bilaterale o monolaterale.

Secondo alcune teorie è dovuto ad un arresto di sviluppo per la mancanza di fibre muscolari che nascono dalla placca muscolare dell'areola associato talvolta a tralci fibrosi che trattengono i dotti galattofori.

I capezzoli introflessi possono provocare sia disturbi di ordine psicologico sin dall'adolescenza sia di natura fisiologica quale la difficoltà e talvolta l'impossilità all'allattamento

Forme di capezzoli introflessi

Esistono vari gradi di capezzolo introflesso. che vanno da una forma lieve nella quale il capezzolo è introflesso a riposo ma si estroflesse dietro stimolo manuale o al freddo , fino a forme più gravi nelle quali il capezzolo rimane introflesso anche sotto stimolo.Tecniche chirurgiche di correzione dei capezzoli introflessi

Varie tecniche chirurgiche si sono succedute negli ultimi anni per la correzione dei capezzoli introflessi volte perlopiù ad evitare le recidive e a preservare la possibilità dell'allattamento.

La tecnica che personalmente utilizzo prevede un incisione per metà del capezzolo.

Estroflettendo il capezzolo e tenendolo in questa posizione con un filo si procede alla visione e sezione dei tralci fibrosi e dei dotti che trattengono il capezzolo nella posizione introflessa.

quindi si procede ad una piccola plastica che rinforzi e chiude lo spazio sottoareolare per evitare che il capezzolo si introfletta di nuovo.

Alla fine si sutura con un filo di Nylon l'incisione di accesso chirurgica.

La medicazione prevede il posizionamento di un piccolo cilindro all'interno del quale il capezzolo rimarrà ancorato e protetto dal peso del reggiseno per almeno 4-5 giorni.

Rimossa tale medicazione si procede anche alla rimozione dei punti di sutura.
 
A Cura del Prof. Massimo Vergine
 
 
Per approfondimenti
http://www.mastoplasticaroma.com/1/capezzoli_introflessi_1195442.html

Rischio di recidiva a distanza del carcinoma mammario positivo per il recettore ormonale 20 anni dopo la diagnosi iniziale

La somministrazione di terapia endocrina per 5 anni riduce sostanzialmente i tassi di recidiva durante e dopo il trattamento nelle donn...