Visualizzazione post con etichetta prevenzione tumore della mammella. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta prevenzione tumore della mammella. Mostra tutti i post

Prevenzione del tumore alla mammella e " breast unit"

Il 17 giugno in un Convegno organizzato da Europa Donna si parlerà di Breast Unit, la rete di centri per la cura a le prevenzione della malattia in attesa di essere regolamentate dal Ministero della Salute



 
Il tumore al seno è considerato uno dei grandi big killer al femminile, e purtroppo i dati ci informano che sempre più donne giovani si ammalano di questa terribile malattia. Terribile ma... non imbattibile.
Grazie alla prevenzione, alla diagnostica precoce, e alle nuove terapie oncologiche sempre più personalizzate, infatti, è oggi possibile sconfiggere il cancro alla mammella senza mutilare (se non strettamente necessario), la donna e consentendole di continuare la sua vita anche durante le cure.

Aspettative di sopravvivenza decisamente superiori e possibilità di estirpare del tutto la neoplasia sono, dunque, i risultati alla portata di molte più donne, e questo lo dobbiamo anche ad una maggiore sensibilizzazione femminile sull'importanza di prendersi cura della propria salute. Visite senologiche fin da giovani, mammografia dopo i 45 anni, autopalpazione per l'autodiagnosi da effettuare regolarmente dall'adolescenza, sono tutti ottimi strumenti per proteggere la salute del seno, una parte del corpo femminile tanto bella quanto delicata.
Per agevolare l'accesso della popolazione femminile alle migliori cure e alle tecniche di screening diagnostico più all'avanguardia, da qualche anno, anche nel territorio italiano, si sono costituite le Breast Unit su modello europeo. Si tratta di centri presenti in diverse strutture ospedaliere, che accorpano studi di senologia multidisciplinari in grado di seguire la paziente dai primi controlli alle cure più sofisticate in caso di malattia conclamata.
Le Breast Unit sono in attesa di una normativa che le regolamenti, in modo che lo stesso modello, con lo stesso livello standard di qualità delle terapie, sia offerto in ogni regione d'Italia secondo dei parametri imposti dall'Unione Europea. L'obiettivo è quello di creare una Breast Unit ogni 500mila abitanti in tutta Europa. E L'Italia?
Per fare il punto della situazione, il 17 giugno l'Associazione Europa Donna ha organizzato un Convegno a Milano, sostenuto, tra gli altri, dalla regione Lombardia e dalla Fondazione Umberto Veronesi, e presentato da Michele Mirabella,il simpatico e bravissimo conduttore di Elisir.
Sarà un'occasione d'oro per stimolare il Ministero della Salute ad accelerare i tempi di approvazione del decreto per la regolamentazione della Breast Unit (ancora in sospeso), e per parlare alle donne di quanto sia necessario che diventino più responsabili e consapevoli di come prendersi cura della propria salute.




Per maggiori informazioni sulla prevenzione del tumore alla mammella


www.senologia.eu

Rischio di recidiva a distanza del carcinoma mammario positivo per il recettore ormonale 20 anni dopo la diagnosi iniziale

La somministrazione di terapia endocrina per 5 anni riduce sostanzialmente i tassi di recidiva durante e dopo il trattamento nelle donn...